My Agatha Experience: Suoni, profumi e colori di Catania e la festa di Sant'Agata.

A dicembre dello scorso anno sono stato in Sicilia per lavoro e avevo soggiornato a Ragusa Ibla, inutile dire che mi sono letteralmente innamorato dei paesaggi e degli scorci siciliani. Quando ho ricevuto la proposta di visitare Catania in occasione della festa di Sant'Agata con Il Convention Bureau di Sicilia, il comune di Catania, Igers Catania e la Sicilia Web non ho potuto fare altro che accettare con grande entusiasmo!

Il bello di Catania è che la maggior parte dei monumenti o luoghi d'interesse turistico sono comodamente raggiungibili a piedi, ecco dunque che prenotare una struttura ricettiva nel pieno centro risulta essere la soluzione migliore per vivere appieno la propria vacanza. Io ho pernottato all' UNA Palace hotel Catania situato in pieno centro sulla via Etnea offre una vasta gamma di servizi, da provare assolutamente il ristorante a pranzo o cena e la colazione tipica Siciliana a la carte servita all'ultimo piano con possibilità di uscire sul terrazzo panoramico con vista sull'Etna.

Il tour incomincia con una presentazione delle varie attività in hall da parte dello staff del convention Bureau, dopo le presentazioni con gli altri partecipanti del tour ci siamo diretti da Prestipino, Cafè tradizionale situato in posizione centralissima dove ho potuto assaggiare il famoso Spritz dell'Etna che si differenzia dal classico attraverso l'aggiunta di Rossa Amara, liquore all'arancia rossa Siciliana; consiglio di provare almeno una volta questa variante dell'aperitivo!

Una volta usciti dal cafè siamo andati in Piazza del Duomo per assistere allo show ''Lights of Agatha'' realizzato attraverso la tecnica del ''Video Mapping'' che permette di animare le facciate degli edifici con l'utilizzo di luci laser e proiettori.

Il giorno seguente l'esperienza nella città sicula è iniziata con l'incontro coi ragazzi di Streaty, che ci hanno portato a vivere Catania come un local, ma sopratutto ci hanno fatto provare il vero street food catanese! Un tour che rapisce tutti i sensi, fra profumi, gusti e la frenesia dei vari mercati cittadini. Una delle prime cose che colpisce quando si inizia il giro all'insegna del cibo tradizionale è sicuramente il mercato del pesce, pare quasi di stare sopra ad un grande palcoscenico in cui ogni pescivendolo diventa attore e si cimenta in variegati show pur di attirare la clientela al proprio banco, qualcosa da vivere in prima persona!

Durante il tour potrete provare Arancini, zuzzu, cipolline, acciughe e molto altro! Simpatica anche l'idea del ''Passaporto del Mangione'' sul quale, ad ogni degustazione verrà messo un timbro a testimonianza dell'esperienza fatta, inoltre lo stesso diventerà poi un bel ricordo del tour alla scoperta dei sapori e gusti della tradizione.

Nonostante la mattinata di intensa degustazione è giunta l'ora di pranzo e ci siamo dunque spostati verso la sede della scuola di cucina Myda, qui è possibile partecipare a workshop sulla cucina e sulla pasticceria seguiti da esperti chef che, passo dopo passo ti insegneranno a realizzare un'ampia varietà di pietanze culinarie, alla fine del corso è spesso possibile degustare i vari piatti preparati direttamente dai maestri cuochi.

Una volta terminata la degustazione del primo piatto con il pesto siciliano (da provare!) la chef Loredana Crisafi ha preparato uno dei dolci tipici della festa di sant'Agata: Le Minuzze di Sant'Agata. Questi dolci a base di pasta di mandorle e ripieni di ricotta sono davvero fenomenali!

Verso sera siamo andati in Municipio dove abbiamo potuto assistere allo spettacolo pirotecnico in onore di Sant'Agata direttamente dai balconi del palazzo, un'emozione unica! I fuochi d'artificio e le fontane luminose a tempo di musica regalavano un'atmosfera quasi mistica.

Il giorno seguente abbiamo visitato uno dei luoghi più particolari di Catania, il Monastero dei monaci Benedettini. Edificio risalente all'epoca del tardo Barocco Siciliano è patrimonio UNESCO e al suo interno è possibile vedere i resti romani di una Domus, casa appartenuta ai ricchi patrizi. Una parte del monastero è ad oggi sede dell'università di Catania. Da vedere assolutamente il magnifico giardino pensile, la stanza rossa e il chiostro che circonda una fantastica area verde. Il monastero offre visite guidate standard, o su misura ma anche workshop e attività disciplinari per scolaresche di ogni genere e grado.

Un'altra perla che non potete farvi mancare è la visita a Palazzo Biscari, sempre comodamente raggiungibile dal centro di Catania, questo edificio custodisce delle sale ricche di storia, dove ogni particolare si è mantenuto in ottimo stato di conservazione. E' una villa privata di architettura Barocca, costituita da più di 700 stanze; il salone centrale riccamente adornato costituisce una delle perle di questo luogo. Per poterlo visitare occorre prendere un appuntamento ma credetemi, ne vale assolutamente la pena!

Se siete in giro nel centro storico e avete tempo che avanza, un salto al Teatro Massimo Bellini è d'obbligo! Qui oltre che avere la possibilità di fare alcuni scatti molto suggestivi, potrete provare l'effetto acustico creato dal fiume sopra al quale è stato costruito il teatro. L'acustica di questo luogo è unica in Italia.

Molto particolare da visitare è il quartiere di San Berillo, una volta zona malfamata della città oggi invece grazie ad un'opera di riqualificazione è divenuto il quartiere degli artisti, infatti tra vicoli colorati, piazze decorate sarà spesso possibile osservare alcune opere realizzata dai nuovi abitanti.

Ora si entra nel vivo del racconto con la processione di Sant'Agata. E' tutto un susseguirsi di momenti unici, espressioni, emozioni e un'atmosfera che normalmente non siamo abituati a vivere. I devoti che portano in giro per la città il busto di Sant'Agata vestono di bianco con degli abiti chiamati ''Sacchi''. La processione inizia domenica, quando viene aperta la camera dove normalmente è custodito il busto della santa e viene consegnata ai fedeli, i quali iniziano il pellegrinaggio lungo le varie arterie della città, seguiti da devoti e e turisti. Durante la festa sarà possibile ammirare le grandi ''Candelore'' che rappresentano i doni degli abitanti di Catania per la Santa.

Uno dei momenti principali della processione è quando l'arcivescovo benedice la processione ed i fedeli stando accanto al busto di Sant'Agata. La santa è trainata lungo le vie dai devoti con l'utilizzo di alcuni cavi metallici visibili nelle foto seguenti.

Ci sono dei momenti in cui i fedeli si riuniscono in cerchio e intonano preghiere rivolte alla Santa, l'utilizzo dei ceri inoltre crea un'atmosfera che rimanda indietro nel tempo e sentire queste voci echeggiare nella notte è davvero incredibile.

La processione continua per quasi due giorni fino a quando, normalmente verso mezzogiorno la Santa fa il suo ritorno nel Duomo.

Dopo aver vissuto questa incredibile esperienza per concludere in bellezza il tour ci siamo fatti accompagnare dai ragazzi di Etna Finder, alla scoperta dei paesaggi dell'Etna a bordo di una jeep 4x4! Abbiamo vissuto momenti di grande adrenalina attraversando irte e strette strade per salire lungo i versanti del vulcano. I panorami lunari sono lo sfondo perfetto per gli amanti della fotografia alla ricerca di qualcosa di diverso, da segnalare anche la possibilità di percorrere i tanti percorsi e sentieri forestali in sella ad una mountain bike. Le guide vi daranno preziose informazioni riguardo all'ambiente circostante e saranno sicuramente in grado di rispondere ad ogni vostra curiosità.

Seguimi sui miei canali social
  • Instagram Social Icon
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Google+ Basic Square
  • Tumblr Social Icon
  • Pinterest Social Icon
  • Flickr Social Icon
Post in evidenza
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
 
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon
  • Google+ - White Circle
  • White Flickr Icon
  • White Pinterest Icon
  • White Tumblr Icon

© Mattia Bonavida Photography P.I 02372330221 - All rights reserved 

2016 - 2020  by Vanessa Berlanda