• mattiabonavida

Minorca: l'isola delle meraviglie.

Aggiornato il: 20 giu 2019


Le isole Baleari mi hanno da sempre affascinato per i paesaggi variegati, gli scorci da sogni e le lunghe giornate dedicate all'avventura. Quando Turismo Menorca mi ha proposta un'esperienza di viaggio sull'isola di Minorca non ho potuto fare a meno di accettare con grande entusiasmo!


Vivere Minorca, cosa fare:

Dopo essere arrivati al magnifico hotel ARTIEM AUDAX situato vicino alla paradisiaca cala Galdana, abbiamo proseguito verso la fattoria di Lloc son Piris nota per la produzione del famoso Queso de Mahon, il formaggio tradizionale. Dopo un veloce tour della struttura e dei terreni abbiamo degustato in prima persona queste leccornie.





Al termine della degustazione ci siamo spostasti in direzione di Ciutadella uno dei centri abitati più grandi di Minorca. Una cittadina affascinante, colma di storia e scorci da mozzare il fiato. Assolutamente consigliato un giro a piedi nel magnifico centro storico specialmente al mattino presto cosi da poter scattare senza troppe persone in giro.










Al termine del tour cittadino, è il momento per andare all'avventura alla scoperta del BARRANC D'ALGENDAR, una sorta di forra scava dall'acqua nel corso del tempo che adesso offre la possibilità di essere percorso a piedi immersi nella natura verdeggiante e selvaggia; sembra quasi di stare nella giungla. Percorrendo brevi sentieri che ci fanno rapidamente salire di altezza si può arrivare ad un punto panoramico davvero spettacolare.



Qualche ora immersi in questo scenario selvaggio ed è già ora di correre per raggiungere la meta perfetta per fotografare il tramonto, dove? Al faro di FAVARITX sulla costa nord dell'isola.

Dopo circa mezz'ora di macchina lo scenario che ci troviamo davanti è a dir poco spettacolare, quasi lunare.



Come sempre sarebbe bello che il tramonto durasse in eterno, ma con il calare delle ombre ci siamo arresi e siamo tornati in hotel a ricaricare le batterie per una nuova entusiasmante giornata!

Dopo una sostanziosa colazione siamo partiti in bus alla volta di MAHON, altra incredibile città che è un must da vedere in special modo perchè ha uno dei porti naturali più grandi del mondo. Appena arrivati andiamo di corsa a prendere il battello con il quale abbiamo fatto una breve crociera nel porto della città per arrivare fino al confine con il mare aperto, dove abbiamo potuto, grazie a delle stanze apposite, sotto la superficie dell'acqua, un momento veramente magnifico. Durante il tour ci sono stati spiegati alcuni dei luoghi storici del porto dagli edifici difensivi alle vecchie basi navale inglesi fino all'isola usata come lazzaretto per i malati infettivi.






Rientrati nel porto, abbiamo percorso le strette vie del centro storico per vivere appieno l'essenza del posto; consiglio vivamente la visita del mercato del pesce poco distante dal molo del battello, qui fra mille bancarelle, profumi e colori potrete provare le famose Tapas, ottimi stuzzichini per un pranzo leggero e gustoso.








Minorca non è solo spiagge, e rigogliose cittadine. L'isola è molto rinomata anche per i suoi numerosi siti archeologici come quello del villaggio TALAYOTICO TREPUCO' del periodo megalitico, in questi luoghi basta socchiudere un attimo gli occhi per ritrovarsi catapultati indietro nella storia.


Altro luogo che consiglio fortemente è la visita alla cava di Tufo di Lithica Pedreres de s’Hostal. Luogo ricco di fascino che vi farà scoprire molti scorci sorprendenti.



Se volete vedere uno posto particolare dovreste assolutamente andare nel paesino di BINI BECA.

Qui vedrete come l'architettura e i colori delle case rimandino ad un altro luogo molto rinomato.





Infine per concludere con i suggerimenti sui posti da non perdere troviamo: COVA DE XOROI.

Un posto incredibile a dir poco, hanno ricavato una discoteca da quello che si dice essere stato il covo di un pirata, il tutto all'interno della roccia a picco sul mare; qui è possibile gustarsi un ottimo cocktail e godere appieno del tramonto sul mare, in una parola? Magico.


A livello fotografico, come tutti i posti di mare consiglio sempre di portarsi un buon treppiede e un filtro ND per sfruttare qualche lunga esposizione, inoltre visto che l'isola non è troppo inquinata a livello luminoso avrete spesso modo di riprendere la via lattea ;-)


0 visualizzazioni
  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White Twitter Icon
  • White LinkedIn Icon
  • Google+ - White Circle
  • White Flickr Icon
  • White Pinterest Icon
  • White Tumblr Icon

© Mattia Bonavida Photography P.I 02372330221 - All rights reserved 

2016 - 2019  by Vanessa Berlanda